Proteggere il computer dal caldo estivo

Proteggere il computer dal caldo estivo

surriscaldamento computer

Perchè in estate il computer si surriscalda?

Vi siete mai chiesti perché in estate nel vostro PC le ventole girano più veloci e a volte fanno un rumore più fastidioso?

Il computer è composto da diversi pezzi elettronici che ricevendo energia si scaldano, durante l’estate poi, quando il caldo diventa pesante e le temperature aumentano, esso si scalda di più ed ha la necessità di tirare fuori il calore facendo girare all’impazzata le ventole.

Un calore elevato del computer può essere causa di danneggiamento di alcune parti del computer come la CPU o la scheda video, per questo motivo un computer, soprattutto un portatile, potrebbe spegnersi all’improvviso per evitare che le parti vengono danneggiate.

In questi periodi è essenziale raffreddare il computer e mantenerlo fresco per non rischiare che si guasti e per evitare il fastidioso rumore delle ventole ed il consumo maggiore di energia.

Alcuni consigli su come evitare il surriscaldamento del computer!

Di seguito un elenco di soluzioni, più o meno efficaci, gratuite o economiche, per raffreddare un computer che si scalda troppo:

  • CONSENTIRE UN FLUSSO D’ARIA CONTINUO: La cosa più semplice è quella di mettere il computer in una posizione tale che la parte posteriore e i lati del PC siano liberi dagli ostacoli. Il calore di un PC fuoriesce dalla parte posteriore tramite il dissipatore, quindi evitare di attaccare il PC al muro o di chiuderlo dentro un mobile. L’aria fredda invece entra dalla parte anteriore e in alcuni casi anche dai lati, quindi se il PC è chiuso in una scrivania l’aria calda potrebbe riciclarsi e la temperatura aumentare.

  • EVITARE LO SPORCO: A volte, una soluzione per evitare il surriscaldamento del PC, è quella di aprire il case del computer e lasciarlo aperto. Questa potrebbe anche essere una soluzione perché l’aria entrerebbe da tutti i lati ma nello stesso tempo le parti interne saranno più esposte alla polvere che si ricoprono della stessa più velocemente e quindi sarebbe necessario pulire il PC quotidianamente, infatti la sporco è la causa principale del surriscaldamento del PC. Dopo diverso tempo infatti si può notare come la polvere ostruisce le prese d’aria del PC all’esterno e all’interno la situazione non è certo migliore! La polvere appesantisce le ventole che devono necessariamente sforzarsi di più e girare più velocemente, è quindi necessario provvedere ad una pulizia interna del PC per liberarlo dallo sporco e polvere.

  • AGGIUNGERE VENTOLE AL CASE DEL PC: Qualora il vostro case non ne sia già provvisto, sarebbe indicato montare delle ventole aggiuntive al case, una per far entrare aria fredda nel PC ed una altra per far fuoriuscire quelle calda. Questa è un’operazione semplice quanto economica e molto efficiente.

  • SOSTITUIRE L’ALIMENTATORE SE VECCHIO E RUMOROSO: Se il PC non ha ventole aggiuntive, l’unica ventola a fungere da dissipatore è quella dell’alimentatore, infatti possiamo sentire l’aria calda proveniente da questa mettendo una mano dietro al PC. Purtroppo non è possibile sostituire questa ventola ma bisogna cambiare tutto l’alimentatore nel caso il PC facesse troppo rumore.

  • ACQUISTARE ACCESSORI PER IL RAFFREDDAMENTO: Nel caso dei PC portatili possiamo considerare l’acquisto di una base di raffreddamento su cui poggiare il notebook, il costo è di circa 15-20€. Mentre nei PC di fascia alta si può considerare l’acquisto di un kit di raffreddamento ad acqua per la CPU che permette di ridurre drasticamente la temperatura della stessa (costo circa 100€).

Nessun commento

Commenta l'articolo

Send this to a friend