Allarme Virus Chthonic, svuota il vostro conto corrente

Allarme Virus Chthonic, svuota il vostro conto corrente

virus chthonic

Virus Chthonic: ecco come ci si può infettare e come proteggersi dal virus che ha già colpito oltre 150 banche

Il virus Chthonic è un virus molto potente che è capace di svuotare il vostro conto corrente bancario, è simile al suo antenato Trojan Zeus attraverso il quale nel 2007 vennero colpite diverse banche americane e multinazionali sottraendo loro delle informazioni. Le ultime notizie su Chthonic ci confermano che ha già colpito oltre 150 istituti bancari in oltre 15 Paesi tra cui compare anche l’Italia.

Come si viene infettati dal virus Chthonic?

Come nella maggior parte dei contagi da virus, avviene tramite apertura di link o di allegati alle mail (come per esempio allegati in formato di testo .doc), una volta aperto esso installa delle porte di servizio, chiamate backdoor, che permettono di passare oltre le procedure di sicurezza.

Cosa fa il virus Chthonic?

Un volta che il codice del virus Chthonic si è inserito nel nostro computer è in grado di controllare alcune periferiche del nostro PC come la webcam, il microfono e la tastiera attraverso le quali tenterà di recuperare le informazioni e le credenziali di accesso alla nostra banca. Una volta sottratte le informazioni, esse permettono ai cracker di accedere al nostro conto corrente e portare a termine operazioni bancarie e di conseguenza anche transazioni di denaro dal nostro conto riuscendo a disabilitare le notifiche di sicurezza della banca stessa.

Come proteggersi dal virus Chthonic?

Il suggerimento è sempre lo stesso, prestare attenzione quando si naviga su internet o si aprono degli allegati alle mail (anche se potrebbero sembrare innocui), avere sempre un antivirus installato e costantemente aggiornato, evitare di inserire dei dati sensibili per l’accesso al proprio conto online se con il PC in questione si è navigato in siti poco sicuri. Ho parlato di PC ma il virus in questione riesce a colpire anche gli smartphone.

No comments

Commenta l'articolo

Send this to a friend